Pasta fresca

scopri...
close

Ogni giorno impastiamo farina di grano tenero, uova e semola di grano duro fino a ottenere la consistenza perfetta per confezionare tagliatelle, pasta al torchio, zuppa imperiale, passatelli di altissima qualità.
La pasta fresca di Celestino è il segreto per esaltare tutti i vostri condimenti, anche quelli più semplici.
Sono da provare anche gli gnocchi di patate e agli spinaci, i passatelli e la zuppa imperiale, per non dire di crescentine per tigelle e crescentine da friggere, autentiche bontà da accompagnare ai salumi e ai formaggi preferiti.

Pasta ripiena

scopri...
close

Oggi come quarant’anni fa prepariamo i nostri tortellini con ingredienti freschissimi e di prima qualità. Seguiamo la ricetta tradizionale depositata alla Camera di Commercio di Modena per portare in tavola i tortellini di una volta: la sfoglia sottile e rugosa racchiude il ripieno di Parmigiano Reggiano stagionato, mortadella Bologna, prosciutto crudo e carne scelta, uniti in un unico impasto consistente e gustoso. La pasta ripiena di Celestino è anche tortelloni di ricotta e spinaci, ravioli e cappellacci alla zucca. Un insieme di ricette saporite e invitanti per assaporare in famiglia o con i vostri amici i veri piatti della tradizione emiliana.

Pasta al forno

scopri...
close

Anche quando il tempo è poco non bisogna rinunciare a mangiar bene.
Per questo la Pasta di Celestino propone a tutti i suoi clienti una ricca selezione di piatti da forno e ragù pronti da consumare.
Oltre alle uniche e ormai famose rosette di Celestino, lasagne, cannelloni, rosette ai funghi, agli asparagi, allo speck
e agli spinaci e ragù emiliani.


La migliore tradizione emiliana da noi è all’insegna della praticità: bastano pochi minuti nel microonde o nel forno tradizionale per portare in tavola ricette gustose e genuine, come fatte in casa.

La ricetta della settimana
MACCHERONCINI CON CULATELLO
E CREMA DI PARMIGIANO

★ Difficoltà: bassa

Ingredienti
: 60 g burro, 30 g di farina, 500 ml di latte intero, 50 g di Parmigiano Reggiano, 200 g di Culatello, Maccheroncini la Pasta di Celestino, 10-15 foglie di salvia, per la crema al Parmigiano.
Preparazione: La crema - Dopo aver sciolto 30 g di burro in un pentolino, aggiungere la farina e mescolare fino a ottenere un composto ben amalgamato. Unire i 500 cl di latte, precedentemente scaldato e mescolare bene, tenendo il fuoco basso, fino a ottenere una besciamella ben addensata. Togliere il pentolino dal fuoco e aggiungere lentamente il Parmigiano Reggiano grattugiato.
Il condimento - Tagliare il culatello a listarelle e preparare una padella in cui insaporire i 30 g di burro rimasti con le foglie di salvia. Aggiungere il culatello (lasciando alcune listarelle da parte per la decorazione dei piatti) e rosolare per 10 minuti a fuoco basso.
Il piatto - Cuocere i maccheroncini in acqua bollente salata per 3-4 minuti, poi unirli in padella con il culatello e la salvia. Infine aggiungere la crema al parmigiano e amalgamare tutti gli ingredienti. Servire i maccheroncini con culatello e crema al parmigiano ben caldi, decorando i piatti con qualche strisciolina di culatello.

i consigli dello chef

 

Previous Next

Passatelli con pesto di mandorle

scopri...
Passatelli con pesto di mandorle
close

★ ★ Difficoltà: media

Ingredienti: 600 gr Passatelli la Pasta di Celestino, 100 gr di Parmigiano Reggiano, 300 gr di basilico, 100 gr di pecorino stagionato, 100 gr di mandorle pelate, 2 spicchi di aglio, olio extravergine di oliva q.b., sale e pepe q.b.
Preparazione: Lavare e asciugare bene le foglie del basilico. Pestare (o più velocemente usare il tritatutto da cucina) l’aglio, le mandorle, il basilico infine il parmigiano e il pecorino. Aggiungere di tanto in tanto l’olio per ottenere una salsa piuttosto densa. Salare, pepare e riporre il pesto in frigo. Cuocere i passatelli La Pasta di Celestino in abbondante brodo di carne, quando affiorano in superficie, scolarli e condirli con il pesto fresco.

Tagliatelle
agli stridoli

scopri...
Tagliatelle agli stridoli
close

★ ★ Difficoltà: media

Lo stridolo è una pianta erbacea che si raccoglie da aprile a ottobre, ai margini delle coltivazioni, dei boschi e nei pascoli di montagna. Deve il suo nome volgare al suono che producono le foglie se vengono accostate alle labbra. In cucina si utilizzano i ciuffi apicali, raccolti prima che appaiano i fiori, e si prestano molto bene per primi piatti, secondi, contorni e insalate.
Ingredienti: 2 salsicce, 2 fette di pancetta, 4 pomodori maturi, 300 g di stridoli, 400 g di tagliatelle, olio extravergine.
Preparazione: Iniziare cuocendo le salsicce in padella con un goccio d’olio e con la pancetta tagliata a quadretti; quando la pancetta assume un colore dorato, aggiungere i pomodorini freschi e gli stridoli, proseguire lessando la pasta in abbondante acqua salata, scolare ed infine saltare in padella con il sugo degli stridoli.

Tagliatelle
al ragù bolognese

scopri...
Tagliatelle al ragù bolognese
close

★ ★ Difficoltà: media

Ingredienti: 300 g di polpa di manzo macinata, 150 g di pancetta, odori (sedano, carota, cipolla, tritati), vino bianco secco, brodo q.b., 50 g di burro, 2 cucchiai d'olio, 50 g di concentrato di pomodoro, latte, sale, pepe, 600 g di tagliatelle fresche all'uovo, parmigiano reggiano grattugiato.
Preparazione: dosi per 6 persone: mettete nella padella olio e burro, poi unite la pancetta e alla fine gli odori: fate soffriggere lentamente, mescolando spesso. Aggiungete la carne e fatela rosolare; quando ha preso colore sfumate con il vino e fate ritirare a fuoco dolce. A questo punto (facoltativo) potete aggiungere due bicchieri circa di latte caldo, poco alla volta fino ad avere un composto cremoso. Salate, pepate e aggiungete due bicchieri di brodo caldo in cui si è fatto sciogliere il concentrato di pomodoro (che si può sostituire, volendo, con della salsa di pomodoro). Il ragù deve bollire dolcemente, senza restare mai asciutto, per non meno di due o tre ore. Cuocete le tagliatelle al dente in abbondante acqua salata, conditete con un pezzetto di burro crudo, aggiungete il ragù e spolverizzate con abbondante parmigiano grattugiato. Il ragù si conserva in frigorifero anche per 15 giorni, senza problemi, in un vaso di vetro chiuso ermeticamente.

Sangiovese di Romagna DOC

Pomodori gratinati

scopri...
Pomodori gratinati
close

★ ★ Difficoltà: media

Ingredienti: 6 pomodori rotondi maturi e sodi, 150 g di pancarré, 3 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato, un bel mazzetto di prezzemolo, 1 spicchio d’aglio, olio extravergine di oliva, sale e pepe. Dose per 6 persone.
Preparazione: tagliate i pomodori a metà, svuotateli dei semi, salateli e metteteli a sgocciolare su un colapasta con la parte tagliata rivolta verso il basso. Nel frattempo, preparate la “panure” aromatica, frullando le fette di pancarré nel mixer insieme al prezzemolo e allo spicchio d’aglio, fino ad ottenere un pangrattato fine e profumato. Mescolate la “panure” ottenuta con qualche cucchiaio d’olio, fino ad ottenere un composto leggermente impastato, regolate di sale e pepe. Farcite i pomodori con questo composto, pressando leggermente e sistemateli uno accanto all’altro in una teglia unta. Cospargeteli di parmigiano, irrorateli con un filo d’olio e passateli in forno già caldo a 170° finché non saranno cotti e dorati (eventualmente, coprite con un foglio di alluminio e scoprite alla fine per gratinare).

Pignoletto Doc dei Colli Bolognesi

Friggione

scopri...
Friggione
close

★ Difficoltà: bassa

Ingredienti: 4 kg di cipolle bianche, 300 g di pomodori freschi pelati, 1 cucchiaino di zucchero, 2 cucchiai di strutto, 1 cucchiaino di sale grosso.
Preparazione: Affettate finemente le cipolle e lasciatele macerare con il sale e lo zucchero per circa due ore. Versate il tutto in un tegame, unite lo strutto e cuocete a fuoco lento per circa due ore. Aggiungere i pomodori tagliuzzati e continuate la cottura ancora per un'ora. Il friggione è ottimo per accompagnare carni bollite e polenta.

Zucchine ripiene

scopri...
Zucchine ripiene
close

★ ★ Difficoltà: media

Ingredienti: 1 kg di zucchine, 1 carota, 1 cipolla, 1 costa di sedano, 300 g di carne di maiale tritata, 30 g di mortadella tritata, 40 g di parmigiano reggiano grattugiato, 1 uovo, sale, pepe, 1 bicchiere di latte, 1 bottiglia di passata di pomodoro, burro e olio. Dose per 6 persone.
Preparazione: Sbollentate brevemente le zucchine, mondate e lavate, in acqua bollente salata, poi svuotatele della polpa con l’apposito levatorsoli. Per il ripieno, preparate un composto mescolando la carne, la mortadella, la polpa delle zucchine tritata, il parmigiano, l’uovo, sale e pepe e farcite le zucchine. Con il ripieno avanzato, ricavate delle piccole polpette. Soffriggete in olio e burro gli odori tritati, aggiungete le zucchine e fatele insaporire, girandole delicatamente con un cucchiaio di legno. Aggiungere la salsa di pomodoro, il latte, le polpettine di carne e portate a cottura, regolando di sale e pepe.

Bonarda dei Colli Piacentini DOC

Pasta Fresca
close tagliatelle gnocchi gnocchi_v crescentine crescentine_i passatelli zuppa gramigna gemelli mezze_maniche maccheroni quadretti grattini maltagliati gnocco
Pasta Ripiena
close tortellini tortelloni
ravoli cappellacci
Pasta al Forno
close cannelloni asparagi funghi speck_spinaci celestino duchessa lasagne